Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Uboldo

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Uboldo

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Uboldo: Chiesa parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Uboldo: Chiesa parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Nell’area dove ora sorge Uboldo, nella zona pianeggiante detta Cerrina, si suppone che in età preistorica si stendesse un lago che doveva lambire i territori di Cislago, Cerro Maggiore e Gerenzano.

Distrutta probabilmente dall’esercito romano guidato da Caio Claudio Marcello nel 222 a.C., la città di Acerra vide sorgere sulle sue rovine i villaggi di Uboldo e Cerro, che sorsero come fortificazioni allo scopo di difendersi dalle invasioni barbariche.
È nel 1397 che il nome di Uboldo compare con certezza per la prima volta, con la dizione Ambold, della quale si sono ipotizzate due diverse spiegazioni: la prima farebbe derivare il toponimo da Vicus Bodonus Viboldonum, ma esiste il dubbio che si possa trattare del paese di Viboldone, in provincia di Milano, la seconda ipotesi rintraccia l’origine del nome di Ugobaldum, denominazione che compare nel documento relativo ad una permuta avvenuta nel 1005 tra l’abate Atevano del Monastero di San Vittore in Milano e l’arcivescovo Arnolfo.
Ugobaldo appare ancora più tardi, nel 1053, in una donazione di terreni fatta da Guido a sua moglie Lantiria.

L’abitato doveva essere composto in quel periodo prevalentemente di strutture fortificate e le cronache dell’epoca narrano di quattro torri, di cui due fino a poco tempo fa riconoscibili.
La prima è la “Torre dei Galli”, distrutta nel 1897 e della quale si afferma che fosse collegata ad un passaggio sotterraneo che conduceva a Legnano.
La seconda è la “Torre dei Prigionieri”, posta all’interno di un rustico nella via San Martino e adibita ad abitazione dopo essere stata più volte restaurata.
Le altre torri, demolite rispettivamente nel 1860 e nel 1900,sorgevano nell’antico Palazzo Crivelli e nel cortile dei Moneta, di fianco alla chiesa dei Santi Cosma e Damiano.
I simboli delle torri sono ancora oggi presenti nell’immaginario popolare e costituiscono l’emblema di una delle contrade che si contendono annualmente il Palio, che dal 1975 viene organizzato tra i diversi rioni di Uboldo, le Contrade Taron, San Cosma, Lazarett e Beli.
Doveva dunque essere questo il perimetro del castello e dell’abitato primitivo di Uboldo, all’interno del quale erano comprese le attuali piazze di San Cosma, San Giovanni Bosco e San Pietro, dove rimangono le vestigia degli antichi palazzi dei feudatari, i Morandi, gli Isimbardi e i Crivelli.
Le torri rimangono comunque, nell’immaginario popolare, il centro di numerosi riferimenti leggendari all’imperatore Federico Barbarossa, che qui si sarebbe fermato dopo la battaglia di Legnano del 1176.
Partendo da alcuni dati narrati dallo storico Morigia, che attesta un passaggio del Barbarossa da questi luoghi mentre ritornava da Roma, è però possibile individuare un intervento diretto dell’imperatore germanico ad Uboldo.

Nell’archivio parrocchiale esiste infatti una nota che, prendendo come prova un’annotazione riportata nell’archivio del marchese Fagnani di Gerenzano, afferma che la chiesa dei Santi Pietro e Paolo sarebbe stata eretta dalle fondamenta dall’imperatore Federico Barbarossa nell’anno 1177.
L’edificio venne in seguito più volte ricostruito ed è ora visibile nelle forme dell'ultimo rifacimento, risalente al 1913.
Gli altri luoghi di culto presenti sul territorio sono la chiesa dei Santi Cosma e Damiano, che fu la prima cappella del Castello ed ha subito interventi di ricostruzione nel XVII secolo, e la chiesa di Nostra Signora del Soccorso, che conserva alcune strutture del 1300.

Resasi amministrativamente autonoma nel 1950 dal comune di Saronno, a cui era stata unita dal 1928, Uboldo ha dato avvio ad uno sviluppo industriale che si è affermato dalla seconda metà del nostro secolo, quando le risorse produttive tradizionalmente costituite dall’agricoltura, sono state gradualmente trasformate con l’insediamento di aziende alimentari, meccaniche, estrattive, di lavorazione di materie plastiche e metalli, oltre che di imprese artigianali, edili e commerciali, che hanno creato le condizioni economiche favorevoli all’affermazione del settore terziario.

Legenda foto
1: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità