Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Rancio Valcuvia

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Rancio Valcuvia

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Rancio Valcuvia: chiesa parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Rancio Valcuvia: chiesa parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Il paese è posto all’incrocio tra la Valcuvia e la strada del Brinzio, che porta a Varese attraversando boschi di castagni e faggi.
Grazie alla sua ubicazione, Rancio è dunque meta di gite ed escursioni.

Il comune si compone di due abitati: Rancio, ai piedi del Sasso Maraio, e Cantevria, sotto il San Martino.

Il nome deriva dall’aggettivo “rancido”, a causa dell’umidità dei luoghi. Stessa origine ha il nome del torrente Rancina, che attraversa il borgo creando scorci suggestivi tra le antiche case.

L’abitato è molto antico: lo attestano le numerose citazioni negli atti del Capitolo della Chiesa plebana di San Lorenzo in Cuvio; anche la frazione di Cantevria è nominata in un documento del 1140. Le alterne vicende politiche influivano anche sulla appartenenza a questa o a quella Diocesi: Rancio, prima del 1196, era sotto il Vescovo di Como, poi, come abbiamo visto, passò nella Diocesi di Milano; abbiamo infine notizia di una visita pastorale del Vescovo di Como nel 1592. Nella relazione della visita pastorale si parla delle quattro Chiese di Rancio, oggi ne rimangono solo due: la parrocchiale dei Santi Fabiano e Sebastiano e la Chiesa di San Pietro a Cantevria; entrambe hanno subito rimaneggiamenti nel corso dei secoli e hanno mantenuto ben poco del loro aspetto originario.

Il borgo è bello e antico, si avverte subito un particolare gusto da parte degli abitanti, che hanno costruito le loro case con semplicità ma con grande cura del particolare. È facile incontrare cortili lastricati in beole, ricchi portali, ferri battuti, numerose immagini devozionali.

Mentre il Comune ha recentemente conosciuto un discreto sviluppo dovuto all’insediamento di alcune piccole industrie, contemporaneamente è riemerso l’amore per gli antichi mestieri, come testimonia la presenza di attività dedite alla produzione di formaggio di capra.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità