Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Mesenzana

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Mesenzana

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Mesenzana, chiesa parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Mesenzana, chiesa parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

L’abitato di Mesenzana sorge sulla vallata della Margorabbia, a pochi chilometri dal Lago Maggiore.

Non è chiara l’origine del nome: si è pensato di accostarlo al nome proprio “Massenzio”, ma è più probabile un riferimento a “massa”, cioè a podere.
La storia di Mesenzana è quella della Valtravaglia, ma il paese si è potuto distinguere tra gli altri della vallata grazie alla famiglia dei Da Mesenzana, possessori del castello di cui oggi la torre rimane la sola testimonianza visibile.
Questa famiglia ebbe l’incarico di amministrare il territorio in nome dei Signori di Milano e dal 1224 potè fregiarsi del titolo di dominus e ser, cosa rara che denota l’aver acquisito un notevole prestigio e potere.
Dalla casata dei Da Mesenzana provenivano molti notai del luogo, e canonici e prevosti delle pievi di Bedero e Cuvio. Il castello esisteva con certezza già nel XII secolo, perchè viene citata in antichi documenti la presenza al suo interno di un deposito per immagazzinare i prodotti agricoli; è inoltre ricordato negli Statuti della Valtravaglia del 1283: si parla espressamente del dovere di provvedere alla sua manutenzione e di porvi una guardia o un custode, pena il pagamento di una sanzione pecuniaria.
È inoltre previsto che i decani di Ferrera e Mesenzana devono pagare all’Arcivescovo di Milano soldi sei e denari sei all’anno.

Molto spesso le notizie sui paesi ci giungono grazie alle relazioni delle Visite Pastorali dell’Arcivescovo: quando il Cardinale Federico Borromeo, nel 1596, visitò questa zona, proibì al rettore della parrocchia di Mesenzana di amministrare i Sacramenti, permettendogli solo di celebrare la Messa, a causa della sua grave ignoranza.

Nel territorio di Mesenzana vi sono delle località dette Cavoi e Cavoiasca, oggi meta di piacevoli escursioni; un tempo erano abitate soprattutto da carbonai, e comunque il loro nome denota l’esistenza di un’antica attività estrattiva: anche il nome dell’abitato di Ferrera conferma questa ipotesi.
In effetti non mancano in questa zona i minerali di ferro, e la ricchezza dei boschi permetteva di avere una riserva inesauribile di legna per alimentare gli altiforni dell’epoca. In un documento del 1570 si ricorda l’esistenza di “cavalanti” addetti al trasporto del carbone al lago, diretto a mercati lontani.
Non si conosce il motivo per cui tale attività economica sia stata poi abbandonata.
Il paese fu colpito dalla peste nel 1630: fu costruito un lazzaretto fatto da capanne per accogliere gli ammalati. Rimane come ricordo della peste un affresco in una casa del paese, che ritrae un Cristo in croce circondato da appestati.

Mesenzana, torre medioevale (2)
Foto 2: didascalia
Mesenzana, torre medioevale

In posizione elevata rispetto al paese sorge la torre, dell’XI secolo, e la chiesa parrocchiale dedicata alla Purificazione di Santa Maria.
Costruita nel 1740–50
: il campanile è moderno. Al suo interno vi è l’organo costruito da Adeodato Bossi Urbani nel 1867 per il Santuario della Madonna del Sasso di Locarno, acquistato nel 1922 dalla parrocchia di Mesenzana.
La tela che ne proteggeva la facciata, raffigurante Santa Cecilia che suona un organo portativo, è opera del pittore Antonio Rusconi di Lugano: attualmente è conservata in sacrestia.
In un antico documento del 1195 si parla di una chiesa di Santa Maria di Castello a Mesenzana, che probabilmente era all’interno del recinto della fortezza: ricordiamo che anche a Germignaga l’antica parrocchiale di San Giovanni era all’interno delle mura del castello. Di questa chiesa non vi è però più traccia.
Tra i cittadini illustri di Mesenzana, è da ricordare Agostino Ramelli, nato verso l’anno 1531, abilissimo ingegnere ed ideatore di macchine complesse per usi civili e bellici, descritte in una famosa pubblicazione edita nel 1588.
Al servizio prima di Giangiacomo Medici detto il Medeghino, passò poi alle dipendenze del Duca D’Angiò, divenuto Re di Francia con il nome di Enrico III, dal quale ebbe gli aiuti economici che gli permisero di scrivere il suo celebre volume sulle “Machine”.

Principale attrattiva

Torre Medioevale

La torre è molto antica: alcuni fanno risalire la sua origine addirittura ai Longobardi. E suddivisa su tre piani; la parte superiore, con le merlature, e la scala esterna di accesso sono state rifatte all’inizio del secolo scorso; l’aspetto è austero, le pietre sono accuratamente lavorate, soprattutto nei contorni delle porte e delle finestre. La porta d’accesso sopraelevata ne conferma la antichità.

Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità