Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Marzio

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Marzio| Escursioni | Galleria di immagini

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Marzio, vista del paese (1)
Foto 1: didascalia
Marzio, vista del paese

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Marzio sorge su di un soleggiato balcone morenico affacciato sul Lago Ceresio e sulle terre svizzere. Il paesino è una piccola gemma, si trova ai piedi del Monte Marzio, è immerso nel verde di stupendi boschi di abeti, betulle, castani e faggi (a 875 metri di altitudine) e gode di una posizione dalla quale è possibile raggiungere diverse zone panoramiche di rara e preziosa bellezza. Non a caso il poeta dialettale varesotto Speri Della Chiesa Iemoli lo chiamò conca de smerald e lo dipinse con queste parole:«Qui too bosch rigoglios e pien d'ombria con qui maggion de vera tant gradua quel frecas che fa l’acqua, in armonia al ziffolá del merlo, lì sul praa. L’è un insema de roba insci fataa insci bei insci pien de poesia che a no commouves ghe veo ves malaa d’ipocondria».

Si può godere dell’intatto contesto naturale di Marzio grazie agli svariati itinerari montani, intrapresi con grande soddisfazione dai turisti che, soprattutto d’estate, raggiungono mete quali la Capanna di San Giovanni, la Madonna degli Alpini, le Rocce Rosse, il Sasso Paradiso, il Sasso Bolle (a 997 metri di altitudine) o la suggestiva frazione abbandonata di Roncate, a cui si aggiungono i numerosi e puri torrenti le cui acque sono densamente abitate dalle trote.

I primi insediamenti di Marzio sono da ascrivere al popolo celtico, così come le origini del toponimo. La radice mac, molto diffusa in quest’area, così come oltre il confine svizzero o nel territorio com’asco, starebbe ad indicare un villaggio recintato costituito da capanne di legno e tetti fatti di paglia. Il toponimo divenne così macis e machis, come attesta un documento del 1570 rinvenuto a Varese, poi ancora Marcio, Martio e infine l’odierno Marzio.

Cucciolo di volpe (2)
Foto 2: didascalia
Cucciolo di volpe

Le vie d’accesso a Marzio sono solo due, una sita a nord-est, che collega il paese con Brusimpiano, l’altra a sud-ovest che porta alla Valganna.Eppure l’afflusso turistico al borgo, sin dall’inizio del secolo scorso, è stato cospicuo e i visitatori vi hanno costruito signorili ville, impreziosite da giardini e parchi. Sono poi sorti gli alberghi e le annesse strutture comunali atte a facilitare il flusso di turisti, il tutto a testimonianza di quanto il paese sia in grado di attrarre visitatori, grazie alle sue qualità naturali. Ma neanche quelle artistiche sono da sottovalutare, in ispecial modo quelle religiose. Fu Paolo Menefoglio di Agostino, tesoriere generale dello Stato di Milano, poi nominato Patrizio di Modena e Reggio e Marchese di Barate, a volere la costruzione della chiesa parrocchiale consacrata a San Sebastiano Martire, innalzata tra il 1736 e il 1739 sulle ceneri del precedente luogo di culto. Anche il fratello di Menefoglio, don Natale, prevosto di Varese, fu benefattore e sostenne la costruzione della chiesa, che venne consacrata il giugno 1779 da monsignor Giambattista Mugiasca, vescovo di Como, città da cui Marzio dipende tutt’oggi dal punto di vista ecclesiastico.
L’esterno della chiesa è in stile barocco; l’interno conserva un altare del 1739, opera della Scuola di Viggiù e ornato con le insegne dei Menefoglio; sono presenti poi alcuni dipinti della Scuola Lombarda del ’700, come la Comunione dei Santi, le Sante Apollonia, Agata e Lucia, i Santi Antonio Abate e da Padova; vi sono inoltre opere più recenti, come due affreschi del pittore Fiorenzo Tornea, realizzati nel 1945, le vetrate di Lavagnini di Milano, del 1954 e del 1960, riproducenti l’Immacolata, San Carlo Borromeo, San Francesco d'Assisi e San Giulio d’Orta.

Escursione (facile)

Belvedere Monte Marzio ( 740 m.s.l.m. ) | Foto
Belvedere Monte Marzio (3)
Foto 3: didascalia
Belvedere Monte Marzio

Percorso adatto a tutti, immerso nella flora boschiva, è geograficamente posizionato sul versante occidentale del Monte Marzio.
Il sentiero ha inizio da due estremi rispetto il paese; uno lo si trova subito dopo la statua della Madonna degli Alpini; il secondo inizia terminata la Via Bolchini.
Per completare il percorso, soffermandosi ad ammirare gli splendidi panorami, è necessario circa 1 ora.

Lungo il sentiero sono ancora visibili, ma purtroppo non in perfette condizioni, le trincee (Linea Cadorna) scavate durante la Prima Guerra Mondiale.

Escursione (facile)

Monte Derta ( 794 m.s.l.m. ) | Foto
Panorama dal Monte Derta (3)
Foto 4: didascalia
Panorama dal Monte Derta

Percorso adatto a tutti, immerso nella flora boschiva, è geograficamente posizionato sul versante orientale rispetto a Marzio.
Il sentiero inizia al termine di Via Porto Ceresio. Per completare il tragitto, soffermandosi ad ascoltare la natura, che quì regna sovrana, è necessario circa 1 ora.

Giunti in vetta, in località Sasso Paradiso, sono ancora visibili, ma purtroppo in condizioni di degrado, le trincee della Linea Cadorna scavate durante la Prima Guerra Mondiale.
ATTENZIONE!! Si segnala nei periodi più caldi la presenza di vipere.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità