Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Malgesso

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Malgesso

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Chiesa di San Michele (1)
Foto 1: didascalia
Chiesa di San Michele

Caratteristiche del territorio


Cenni storici

Posto a poca distanza dalla zona dei laghi e delle torbiere di Biandronno, all’interno dell’anfiteatro morenico che dal Verbano arriva al lago di Varese, l’abitato di Malgesso appartiene alla conca di Olgínasio, prossima alla conca in cui è posta Brebbia. Le poche testimonianze archeologiche reperite sul territorio comunale, un pettine di et’ paleolitica e un’ascia dell’età del Bronzo, non permettono di ricostruire quale tipo di insediamento fosse presente nei dintorni, ma si può facilmente ipotizzarne una derivazione da quelli vicini e più famosi dell’Isolino Virginia o della Lagozza di Besnate.

La probabile origine del toponimo, che data al periodo romano, chiarisce forse i motivi per cui Malgesso non divenne nell’antichità un centro importante; infatti, la forma latina Malum cessum, con il suo significato di “cattivo passaggio, luogo infido”.
Nel 1180, il paese viene nominato come Malgresso, la cui etimologia è ancora malum gressum “cattivo passo”.
Le prime notizie intorno al paese narrano della costruzione al tempo dei Longobardi, di tre cappelle, tra le quali la più importante dedicata a san Michele, forse lo stesso edificio di culto ricordato in un manoscritto come ecclesia Santi Michaelis in loco Malzeso; oltre a questa, viene nominata anche una chiesa di San Paolo, della quale non vi sono però altre tracce o memorie.

Campanile romanico della chiesa di San Michele (2)
Foto 1: didascalia
Campanile romanico della chiesa di San Michele

Malgesso era divenuta, da semplice villaggio, comune autonomo almeno dal secolo XIV.
Le visite pastorali degli Arcivescovi milanesi, che avvengono nel 1647 e nel 1748 forniscono una descrizione della chiesa di San Michele come “oratorio”, il cui unico particolare rilevante è quello che riguarda il campanile, romanico, che alcuni datano all’XI secolo.
Anche la vita dei Malgessesi, principalmente a causa della distanza dalle strade principali che collegano i centri vicini più importanti, non subisce mutamenti di rilievo con il passare dei secoli; l’agricoltura di sussistenza permane a lungo il principale mezzo di sostegno economico, ma con l’Ottocento la mancanza di lavoro spinge diversi lavoratori ad emigrare.
Sarà soltanto con l’ultimo dopoguerra che Malgesso troverà una cospicua fonte di reddito locale per i propri abitanti, quando si insedierà nel 1962 la Galvarplast, industria per la lavorazione di materie plastiche, a cui si affiancheranno presto altre attività produttive e artigianali, grazie a cui attualmente il comune può godere una relativa prosperità oltre alla pace di un ambiente tranquillo e riposante.

Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità