Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Lozza

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Lozza

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Lozza: Chiesa Parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Lozza: Chiesa Parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Località posta tra Varese e Castiglione Olona, adagiata su di un a riva collinare ricca di boschi e vegetazione, che la rendono abbastanza riservata non essendo attraversata da grandi arterie stradali.
Probabilmente parte del territorio in cui furono presenti stanziamenti di popolazioni romane, come in tutta la zona del Seprio, Lozza viene citata per la prima volta in un documento ufficiale nel Liber noti tiae Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero, cioè in quell’elenco di chiese, altari, feste e reliquie di ogni santo della diocesi ambrosiana, risalenti al XIII secolo.
L’autore nomina il paese di Lozza con alcune varianti glottologiche, indicandola come Locia in un caso e come Locozia in un altro.
La storia del paese si confonde con quella del contado del Seprio e successivamente con quella del territorio milanese, cui Lozza rimarrà legata dopo la distruzione di Castel Seprio, nel 1287.

La chiesa parrocchiale è dedicata al martire Antonino; è un fabbricato che si presume sia stato costruito sui resti di un forte militare che serviva per la difesa di Castel Seprio, anche se non esistono documenti tali da attestare con sicurezza la sua origine storica.

Chiesetta Santa Maria in Campagna (2) (2)
Foto 2: didascalia
Chiesetta Santa Maria in Campagna
Nell’interno si trova una lapide voluta da Marco Fabrizio Castiglioni nel 1594, per celebrare il suo sessantesimo compleanno, raggiunto nell’avita Lozza.
Un ramo della famiglia Castiglioni, infatti, guidò per secoli la comunità di Lozza, da Francio Castiglioni, capitano al seguito di Arrigone Castiglioni nel XIV secolo, distintosi nella guerra al servizio dei Visconti contro la famiglia Torriani, fino alla fine del XIX secolo, quando la casata si estinse, secondo la ricostruzione di E. Casanova, riprodotta nell’opera su Lozza di Egidio Gianazza.
Un’altra chiesa di rilievo artistico, anche per gli affreschi secenteschi che decorano l’interno, è quella dedicata a Santa Maria in Campagna, situata nella periferia del paese.
Secondo il cardinale Ildefonso Schuster, arcivescovo di Milano, questa piccola chiesa sarebbe l’antico edificio sacro medioevale dedicato ai Santi Vittore e Corona.

La popolazione di Lozza è prevalentemente occupata in piccole attività artigianali; fa eccezione la Cartiera di Lozza, il più antico insediamento industriale del paese, sorta nel perimetro di terreno un tempo utilizzato da un mulino e successivamente da una filatura.
Molto frequente è il pendolarismo verso il capoluogo provinciale e i comuni attigui.


Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità