Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Laveno Mombello

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Consorziati a Laveno Mombello:
Apicoltura Natura

Laveno Mombello | Escursioni | Galleria di immagini

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Laveno, panorama (1)
Foto 1: didascalia
Laveno, panorama

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Laveno Mombello è una graziosa cittadina, ricchissima di scorci suggestivi, composta dai tre centri abitati di Laveno, Mombello e Cerro (unificati nel 1927), che vanno a formare un lungo litorale sul Lago Maggiore posto proprio alle pendici del Monte Sasso del Ferro, torreggiante coi suoi 1.063 metri.

Le origini del nome Laveno si rintracciano nel nome del generale romano Tito Labieno, che partì da questi luoghi con una spedizione militare contro i Galli. Questa ipotesi sembra confermata dai risultati di scavi archeologici, tra i quali è emerso un busto di marmo, con soggetto proprio Labieno, a testimonianza di un alloggiamento delle truppe romane nella frazione di Cerro. Altra proposta di interpretazione del toponimo risale al latino labes, che indica frana, mentre come già altri hanno ipotizzato per Lavena, si può parlare di una derivazione dal celtico la e ven, ovvero acqua e palude.
Proprio a questi due elementi si collegano i resti di palafitte lacustri databili al Neolitico Inferiore o all’Eneolitico, rinvenuti nei pressi di una torbiera nella frazione di Mombello. Ma quella che un tempo era palude oggi è considerata oasi naturale, grazie alle bellezze paesaggistiche offerte dal Monte Sasso del Ferro e dal lago, che consentono lunghe passeggiate ed escursioni, agevolate anche dal servizio di traghetto verso le Isole Borromee e la sponda piemontese del Verbano e dalla cabinovia, che facilita la risalita del monte.

Laveno: Forte Castello austriaco (2)
Foto 2: didascalia
Laveno: Forte Castello austriaco

Il visitatore non può perdersi però neanche le splendide ville presenti nel comune di Laveno, come la settecentesca Villa De Angeli Frua, sita nel centro del paese, la Villa Tinelli (XVII secolo), la Casa Milanesi (XVIII secolo) e la Casa Terruggia (XVIII secolo); è di notevole interesse anche il Forte Castello, allora postazione militare austriaca.
Riguardo agli edifici religiosi di Laveno, il più antico è la chiesa dei Santi Martiri Nazario, Gelso e Defendente sita a Ceresolo di Laveno, costruita verso l’VIII secolo, con campanile dell’XI secolo. Posteriore di due secoli è invece la chiesa di Santa Maria di Corte a Mombello, ove sono ubicati anche un convento del XV secolo ora Palazzo del Bostano, la chiesa di San Michele e la chiesa parrocchiale di Laveno.
La chiesa parrocchiale è dedicata ai Santi Filippo e Giacomo e conserva un pregevole organo Biroldi del 1825, restaurato in seguito dalla famiglia Mascioni.
Pregevolmente conservato il Forte Castello, era un tempo una postazione militare costruita durante l’Impero Austro-Ungarico.

La fondazione delle industrie ceramiche del 1865 favorì lo sviluppo economico locale, un tempo basato prevalentemente sull’agricoltura, l’allevamento dei bachi da seta e la pesca. Si sono consolidati poi i settori artigianale, nella produzione del miele e nel settore turistico, grazie alle bellezze naturalistiche di Laveno e ai frequenti collegamenti ferroviari e lacustri.

Principali attrattive

Poggio Sant’Elsa (974 m s.l.m.) | Foto

Meravigliosa località turistica a 974 m s.l.m., da cui si godono splendidi panorami sul sottostante golfo di Laveno, il Lago Maggiore e parte della Valcuvia.
La si può raggiungere attraverso una comoda e panoramicissima funivia in 20 minuti circa, oppure, per gli amanti del trekking, percorrendo un sentiero, che dai 400 m s.l.m. di Brenna di Laveno raggiunge i 974 m s.l.m. del Poggio Sant’ELsa.

Dalla sommità del Poggio Sant’Elsa gli amanti del parapendio spiccano il volo atterrando poi sull’attezzato prato sottostante.

Cerro di Laveno | Foto

Il centro è formato da caratteristici vicoli stretti con la presenza di botteghe artigiane e commercianti per lo shopping. Nella frazione di Cerro ha sede la Civica Raccolta di Terraglia, collocata nel Palazzo Perabò e ospitante le produzioni di ceramica locale dei più abili ceramisti. Località frequentatissima nel periodo estivo, non solo dagli abitanti della zona, grazie alla presenza di una ampia spiaggia in sabbia che permette ai più piccoli di divertisi. Ampi parcheggi e posti auto sono dislocati nei pressi della spiaggia.

Escursione (facile)

Poggio Sant’Elsa (974 m s.l.m.) | Foto

Meravigliosa località turistica a 974 m s.l.m., da cui si godono splendidi panorami sul sottostante golfo di Laveno, il Lago Maggiore e parte della Valcuvia.
La si può raggiungere attraverso una comoda e panoramicissima funivia in 20 minuti circa, oppure, per gli amanti del trekking, percorrendo un sentiero, che dai 400 m s.l.m. di Brenna di Laveno raggiunge i 974 m s.l.m. del Poggio Sant’ELsa.

Dalla sommità del Poggio Sant’Elsa gli amanti del parapendio spiccano il volo atterrando poi sull’attezzato prato sottostante.

>> Galleria di immagini


Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità