Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Gorla Maggiore

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Gorla Maggiore

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Gorla Maggiore: Chiesa Parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Gorla Maggiore: Chiesa Parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Situato nella pianura varesina, nei pressi dell’ansa maggiore che il fiume Olona forma nella valle, Gorla Maggiore è un centro la cui storia risale almeno all’epoca romana.
In questo periodo il paese si trovava nei pressi del confine fra Como e Milano e, dopo l’ingresso dei Longobardi a Milano, avvenuto il 3 settembre 569, diventerà uno dei luoghi dove si stanzierà uno dei gruppi di questa popolazione.
Uno dei segni più probanti della presenza longobarda a Gorla Maggiore Ŕ fornito da quel quartiere dove si insediarono appunto alcuni gruppi longobardi, forse a difesa di un passaggio obbligato, e che prese il nome di Canton Lombardo.
Si trattava di un insediamento difensivo, a forma di quadrilatero, lentamente trasformatosi in un nucleo abitativo dove i Longobardi si amalgameranno progressivamente con la popolazione stanziale ormai romanizzata, dando vita a un sistema sociale caratteristico per la contemporanea presenza di due gruppi umani che facevano riferimento a due “lex” diverse, quella longobarda e quella romana.

Le “obbedienzierie” erano dei benefici ecclesiastici curati dal clero minore della diocesi ambrosiana, chiamato decumano, che aveva il compito di raccogliere le decime.
Questo clero, senza cura d’anime, si affermò nella diocesi agli inizi dell’età longobarda, durante l’assenza dell’arcivescovo da Milano, e le obbedienzierie nacquero proprio in questi tempi per sopperire alle necessità del clero più povero.
L’obbedienzieria gorlese aveva sede all’interno del quadrilatero del Canton Lombardo, in un edificio massiccio con un porticato trecentesco, situato lungo la strada detta “stra marscia”, che conduce al Castellazzo di Fagnano Olona.
Scarse comunque sono le informazioni relative all’“antica obbedienza” giunte fino ai nostri tempi, e anche i libri disponibili sulla storia di Gorla Maggiore, pur dettagliati e ricchi di apparato iconografico, riservano poche notizie a questo proposito.

Gorla Maggiore: Chiesa di San Carlo (2)
Foto 2: didascalia
Gorla Maggiore: Chiesa di San Carlo

Secondo Goffredo da Bussero, nella seconda metà del XII secolo, esistevano a Gorla Maggiore, che apparteneva alla pieve di Olgiate Olona, tre chiese, rispettivamente dedicate a Santa Maria Assunta, ai Santi Vitale e Valeria e a San Vittore.
La chiesa dedicata all’Assunta, oggi parrocchia centrale del paese, è senz’altro di epoca romana, come dimostrano i resti del campanile romanico attualmente innestati nell’edificio sacro, ricostruito nell’’800 su progetto dell’architetto Giacomo Moraglia.
L’antica e semplice chiesa dei Santi Vitale e Valeria ricorda il martirio di questi due sposi di Milano, genitori dei Santi Gervasio e Protasio, avvenuto durante l’epoca romana.
Essa risale all’XI secolo e si trovava in posizione solitaria, al di fuori dell’abitato del Canton Lombardo, in una posizione da cui dominava un tratto della Valle Olona.
L’altra chiesa ricordata da Goffredo da Bussero e dedicata a San Vittore, non risulta pi¨ citata dopo il 1398.
Altre chiese costruite successivamente sono quella di San Carlo, iniziata nel 1603 e terminata nel 1627, l’oratorio di San Giuseppe, del XVIII secolo, costruito su un terreno donato dal marchese di Gorla Maggiore Carlo Terzaghi, distrutto in seguito alle riforme di Giuseppe II nel 1787.
Si possono ancora ricordare la chiesa della Baraggiola, da tutti creduta nell’area di Gorla Minore, e la cappella dedicata a San Rocco, situata nei pressi del cimitero e fatta demolire per le sue cattive condizioni al tempo di San Carlo Borromeo.


Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità