Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Duno

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Duno| Escursioni | Galleria di immagini

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Duno: Santuario Tempio Votivo (1)
Foto 1: didascalia
Duno: Santuario Tempio Votivo

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Duno, posto sulle pendici del Monte San Martino al centro della Valcuvia, è il comune con il minor numero di abitanti della provincia varesina, e la scarsa densità demografica si deve attribuire a una forte emigrazione verso nazioni extraeuropee avvenuta agli inizi del nostro secolo, tanto che nel censimento del 1860 il paese aveva circa il doppio dell’attuale popolazione.

Tuttavia Duno è un paese con una lunga storia, testimoniata dall’esistenza di una lapide romana.

La lapide sorge sul Monte San Martino, all’altezza di 1087 metri sopra il paese, dove oggi si può ammirare una splendida chiesetta.

Fino alla recente costituzione della provincia di Varese, Duno, insieme con Cuveglio, apparteneva al comune di Cuvio e alla provincia di Como: entrerà nella provincia di Varese con la costituzione di quest’ultima, nel 1926, e diventerà comune autonomo nel 1954.

Relativamente antica è anche la chiesa parrocchiale. Intitolata ai Santi Giuliano e Basilissa, costruita nel 1820 sui resti di una precedente, con affreschi del primo Novecento di Luigi Malcotti.

Il “Tempio votivo dei Medici d’Italia”, realizzato nel 1938 grazie al contributo dei medici italiani è dedicato alla Madonna del Rosario e presenta, sopra il portale, la significativa immagine di San Luca evangelista, patrono dei medici.
L’edificio sacro si trova all’interno del paese ed è la conseguenza della donazione di una benefattrice del paese, Giuseppina Magada, che nel 1936 donò la sua casa con l’intenzione che venisse trasformata in una nuova chiesa nell’abitato del paese.

Il paese vive grazie al turismo stagionale e al pendolarismo dei suoi pochi abitanti verso i centri vicini; presenta comunque al visitatore alcune particolarità notevoli, come i cortili del nucleo antico del paese o l’Alpe di Biis, esempi di architettura spontanea.

Escursione (facile)

Monte San Martino (1087 m.s.l.m.)| Foto
Monte San Martino: la chiesetta (2)
Foto 2: didascalia
Monte San Martino: la chiesetta

Meravigliosa meta raggiungibile in auto, dove, in giornate particolarmente limpide si possono ammirare straordinari panorami che si spingono fino alle Alpi della Valtellina.

Sulla sommità la Chiesetta dedicata a San Martino, esempio di quel puro stile lombardo che fioriva al principio del XII secolo.

La piccola chiesa era stata dichiarata monumento nazionale nel 1903, ma andò distrutta a causa dei bombardamenti durante la seconda Guerra Mondiale, poco prima della chiesa un monumento ne ricorda l’evento, per essere quindi ricostruita nel 1956 secondo le antiche sembianze, grazie a un attento studio della sua architettura effettuato in epoca precedente alla distruzione.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità