Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Curiglia con Monteviasco

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Curiglia con Monteviasco | Escursioni | Galleria di immagini

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Curiglia, chiesa di San Vittore (1)
Foto 1: didascalia
Curiglia, chiesa di San Vittore

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Dall’incantevole strada che parte da Luino e percorre Dumenza si raggiunge il comune di Curiglia con Monteviasco, aggrappato sul fianco di una collina, e situato nella zona più a nord della provincia di Varese, al confine con il Canton Ticino.

Nel 1989 è stata inaugurata la funivia che collega quelli che erano un tempo due comuni, Curiglia e Monteviasco appunto. Oggi con tale mezzo è possibile raggiungere la cima di Monteviasco per godere degli splendidi panorami che circondano il paese. In alternativa, l’intrepido visitatore può fare un salto nel passato e affrontare i 1.800 gradini che, un tempo, costituivano l’unica via di accesso al borgo.

Di assoluta rilevanza storico-culturale è il masso di Piero, un grande masso situato nei pressi della località di Piero, a ridosso del torrente Giona. Il turista appassionato di storia, o quello semplicemente più curioso non potrà proprio negare una visita al masso di Piero, vista la qualità storica di questa pietra: è stato lo studioso Piero Astini a proporre l’ipotesi sul significato del masso, la quale riporta numerose incisioni di figure, parole e simboli risalenti all’epoca pagana. La destinazione cultuale del masso passò poi dall’adorazione della natura e delle sue manifestazioni alla pratica religiosa cristiana, tantoché i simboli pagani vennero sostituiti con delle “croci fiorite” attorno al X-XI secolo, a seguito dell’influenza iconografica carolingia. Alcune delle incisioni di questo masso, confrontate con altre ubicate ad una certa distanza dal paese, lascerebbero datare i primi insediamenti addirittura al 2000 a.C.

Vista panoramica di Curiglia (2)
Foto 2: didascalia
Vista panoramica di Curiglia

La pochezza degli abitanti di Curiglia con Monteviasco non rende ragione del buon numero delle attrattive artistiche e religiose del luogo: il caratteristico Santuario della Serta di Monteviasco, il cinquecentesco Santuario del Tronchedo e la seicentesca statua dedicata a San Carlo Borromeo. Quest’ultima, un tempo posizionata sulla vecchia strada di Dumenza, venne trasportata agli inizi del secolo scorso e posta sulla strada provinciale, prima del ponte in Val Crana.

L’economia del paese era sorretta, fino al secolo scorso, dalle attività legate alle risorse naturali della valle: principalmente l’allevamento del bestiame, nei parecchi alpeggi presenti sul territorio, sull’uso dei quali si scatenarono, sin dal 1500, numerosi bisticci con le popolazioni dei comuni confinanti come Agra, Cossano e Runo con Stivigliano. Ulteriore fonte di reddito era la produzione del carbone, trasportato dalla montagna a valle con le gerle. Oggigiorno, l’economia del paese è molto povera e i limitati introiti derivano dal turismo stagionale.

Principali attrattive

Scalinata
Scalinata per Monteviasco (3)
Foto 3: didascalia
Scalinata per Monteviasco

Un tempo era l’unica e dura via di accesso al borgo, con i suoi oltre 1.800 gradini.
Esiste una leggenda su questa gradinata, secondo cui venne percorsa da una popolana, la quale fece la faticosa impresa di portarsi in spalla una gerla ove pose un anziano arcivescovo milanese, in missione per una visita pastorale, ma incapace di salire da solo tutti quegli scalini.

Monteviasco | Orari funivia
Panorama di Monteviasco (4)
Foto 4: didascalia
Panorama di Monteviasco

La genesi del paese risale ad una leggenda nata nel XVII secolo, periodo in cui la Lombardia era possedimento della Corona spagnola. Quattro uomini d’arme erano in fuga dopo aver disertato dall’esercito e cercarono rifugio nella Valle del Monte Polà, ove costruirono delle case di pietra. Dellea, Morandi, Ranzoni e Casina, questi i nomi dei soldati, erano però tristi di passare in maschile solitudine la loro latitanza, così decisero di rapire una giovinetta per ciascuno di loro. Il ratto delle fanciulle non poté non scatenare le ire della popolazione di Curiglia e i popolani si diressero ferini contro i soldati, desiderosi di incrociare le lame per liberare le ragazzette. Giunti alle case dei quattro però, si pararono loro le donzelle, ormai piacevolmente abituate al coatto accasamento, tantoché la pace presto si insinuò nella popolazione di Curiglia e tutto si concluse con la più classica delle feste.

Santuario della Serta di Monteviasco
Monteviasco, Santuario della Serta  (5)
Foto 5: didascalia
Monteviasco, Santuario della Serta

Il nome deriva dalla ”serta” dei monti che circondano il paese, mutata poi in ”serto”, ovvero la corona regale della Madonna.

Proprio al termine della lunga scalinata, al turista si para innanzi il Santuario, all’interno del quale può ammirare una tela con impressa la Madonna con il serto sul capo.


Santuario del Tronchedo

Trecento metri prima di entrare in Curiglia si può osservare questo cinquecentesco Santuario, che ospita l’affresco della ”Madonna del Latte”, posto sull’altare di marmo, e anche una pregevole statua barocca.

Escursioni (facili)

Monteviasco | Foto

Gruppo di case arroccate l’una sull’altra con vicoli stetti, dove i pochi abitanti sono dediti alla pastorizia.

Mulini di Piero | Foto

Località meravigliosa ai margini del torrente Giona. Sono presenti antichi mulini in ottimo stato, dove veniva macinato il grano. Oggi vengono utilizzati per attività didattiche.

Monte Lema (media) | Foto

È la cima più alta della provincia di Varese con i suoi 1.620 m.s.l.m. Situata sul confine italo-svizzero, la si può raggiungere, a piedi, attraverso un sentiero di media pendenza partendo da Curiglia. Dalla vetta, è possibile ammirare uno splendido panorama sui laghi sottostanti.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2, 3, 4, 5, 6: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità