Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Cocquio Trevisago

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Cocquio Trevisago

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Vecchi mulini a Sant’Andrea (1)
Foto 1: didascalia
Vecchi mulini a Sant’Andrea

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Trevisago, citato già da Goffredo da Bussero nel Liber Sanctorum Mediolani intorno al 1290 come locus Trivixago.

È costituito principalmente da tre abitati, Cocquio, Sant’Andrea e Caldana.
L’origine del nome di Cocquio sembra dovuta al significato del termine dialettale cochio o coccuio, che sta per “su di una collina” o per “piccolo dosso”.
Cesare Cantù ipotizza una derivazione da Cocquio della famiglia dei conti Coco, che trarrebbe il proprio titolo dal paese e avrebbe dimorato nel castello, di cui restavano ancora alcuni ruderi fino al 1393.
L’unica notizia certa sull’insediamento di famiglie riguarda però soltanto i Besozzi alla fine del Trecento e i Soresina a metà del Quattrocento, mentre le tracce documentarie che si riferiscono ai Coco (con le varianti Coquio, de Coqui ed altre) riguardano principalmente la storia della provincia di Como.

L’attuale chiesa parrocchiale di Sant’Andrea è un edificio risalente al 1606 e sembra che la sua costruzione abbia avuto origine da un dissidio tra le popolazioni delle due frazioni che compongono il paese.
Gli abitanti di Trevisago–Sant’Andrea, che non amavano unirsi alla comunità di Cocquio per la celebrazione delle festività, preferivano spostarsi fino alla chiesa di Besozzo, ma a causa dei numerosi furti che avvenivano durante la loro assenza, chiesero ed ottennero dal cardinale Federico Borromeo l’edificazione di una propria parrocchia.
Attualmente, la chiesa è abbellita da sculture moderne poste sulla facciata.

(2) Chiesa parrocchiale di Cocquio, (3) Chiesa parrocchiale di Sant’Andrea, (4) Veduta di Caldana
Foto 2, 3, 4: didascalie
(2) Chiesa parrocchiale di Cocquio, (3) Chiesa parrocchiale di Sant’Andrea, (4) Veduta di Caldana

Il borgo di Caldana, posto in posizione elevata rispetto alla strada che porta a Laveno, si presenta come un tipico borgo di montagna con vicoli stretti e tipiche corti.
Quì ogni anno nel mese di novembre si svolge il tradizionale mercatino di Natale.

Una particolare vena artistica, legata alla tradizione locale, ma apprezzata in tutto il mondo, è quella legata alla figura del pittore Innocente Salvini (1889–1979), la cui casa, posta in comune di Cocquio Trevisago ma più prossima a Gemonio, è divenuta ora museo.
L’aspetto esterno è ancora quello del vecchio mulino con due ruote, di proprietà della famiglia, che divenne fonte d’ispirazione per l’artista.

Negli anni dello sviluppo industriale, l’economia ha privilegiato soprattutto la frazione di Trevisago–Sant’Andrea, più vicina alla statale Varese–Laveno, nei cui pressi sono sorti diversi stabilimenti che operano nel settore dello stampaggio di materie plastiche e meccaniche; sono presenti anche numerose aziende artigiane ed un importante centro commerciale.

Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità