Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Castelseprio

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Castelseprio

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Castelseprio: Chiesa Parrocchiale (1)
Foto 1: didascalia
Castelseprio: Chiesa Parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Castelseprio rappresenta, dal punto di vista storico, il comune più importante dell’intero itinerario e probabilmente dell’intera provincia di Varese.

II ritrovamento di resti domestici e funerari risalenti all’età del ferro nel pianoro dove sorse la rocca, come nel terrazzo dove sorge la chiesa di Santa Maria foris portas, fanno pensare alla presenza di un insediamento già in quei tempi lontani.

Si può pensare a un insediamento umano, Vico Seprio, precedente la nascita del castrum di Castel Seprio, all’epoca della presenza dei Goti di Teodorico, verso la fine del V secolo.

Con i Longobardi, Castel Seprio diventa il centro di un distretto molto esteso, che diventerà un fines, termine che indica un territorio dipendente dalla corona longobarda amministrato da un funzionario o Gastaido.
Durante il periodo carolingio, il contado del Seprio perde progressivamente la sua importanza a causa di continue divisioni del suo territorio, che l’imperatore concede a suoi fedeli, laici o ecclesiastici.
La decadenza raggiunge il culmine nel periodo di Federico Barbarossa, ma poi, sotto l’egida di Milano, ritorna a costituirsi un’importante comunità, la Communitas Castri Sepri, che assurge a borgo, una qualifica di diritto pubblico con la quale il paese si assumeva alcuni oneri e godeva di certi diritti.
La comunità era costituita di alcune centinaia di abitanti, divisi fra Castel Seprio e Vico Seprio. Ma la fine del Seprio era vicina.

Castelseprio: Chiesa “la rotonda“ (2)
Foto 2: didascalia
Castelseprio: Chiesa “la rotonda“

Utilizzando alcuni Ossolani del Lago Maggiore, probabilmente abitanti di Ornavasso, che entrano in Castel Seprio in occasione della fiera mercato dedicata a Santa Maria foris portas per la festa dell’Annunciazione del 25 marzo, e di notte sopprimono la guardia e aprono le porte ai soldati di Milano, l’arcivescovo Ottone Visconti riesce a impossessarsi di Castel Seprio e della sua Rocca, costringendo alla fuga il rivale Guido da Castiglione, che era anche suo figlio adottivo, tenendo conto che Ottone Visconti era entrato nello stato ecclesiastico dopo essere rimasto vedovo.

Pier Giuseppe Sironi, scrivendo la cronaca della fine del borgo e della sua fino ad allora imprendibile Rocca ha opportunamente usato il termine “fine” a proposito di Castel Seprio, perchè Ottone Visconti ordina con un decreto che “Castel Seprio sia smantellato e perpetuamente tenuto tale, ne alcuno osi o presuma di potervi ancora abitare”.
La comunità di Castel Seprio è così costretta a spostarsi nell’adiacente Vico Seprio, che muterà nome in Castelseprio, questa volta scritto con una sola parola, che, aggregato nel 1928 alla vicina Carnago, soltanto nel 1947 ritroverà la propria autonomia amministrativa.

Principali attrattive

Il Castrum e la chiesa di Santa Maria Foris Portas
(3) Il Castrum, (4) Chiesa di Santa Maria Foris Portas
Foto 3, 4: didascalie
(3) Il Castrum, (4) Chiesa di Santa Maria Foris Portas

Il Castrum: resti dell’antico borgo risalenti al V secolo d.C. sono ben visibili e visitabili.

Chiesa di Santa Maria Foris Portas: sisalente al periodo della presenza degli Ostrogoti di Teodorico, si può datare la nascita della tipica chiesa di Santa Maria foris portas, che ancora oggi si può visitare, a occidente del castrum, ma fuori dalla cinta del borgo, con il suo complesso pittorico di grande rilievo artistico, “scoperto” e valorizzato recentemente, nel 1944.

Legenda foto
1, 2: Foto FL s.a.s.
3: Foto Archivio Provincia di Varese - Servizi Fotografici a cura di SIAF CNA Varese
4: Foto di Franco Canziani - Foto Archivio Provincia di Varese - Servizi Fotografici a cura di SIAF CNA Varese
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità