Pacchetti turistici, sviluppati per conoscere il settore agroalimentre della provincia di Varese unitamente alla bellezza del territorio, proposti dai nostri tour–operator

Posizione: Home > Comuni della provincia di Varese > Agra

Pubblicità


Comuni della provincia di Varese


ATTENZIONE!!
Consulta i pacchetti turistici proposti dai nostri tour–operator

Agra | Escursioni | Galleria di immagini

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Agra, centro storico (1)
Foto 1: didascalia
Agra, centro storico

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

A 655 metri di altitudine e a pochi passi dalla Svizzera sorge il paesino di Agra. Grazie alla sua posizione felice, alla tranquillità del posto immerso nella natura ed al suo clima, il paese è divenuto ben presto luogo di villeggiatura molto apprezzato.

Il suo nome deriva, con molta probabilità, dalle voci idiomatiche ”agru”, ”agher”, che significano ”acero”. Oggi non vi sono più molti esemplari di questa pianta, eppure il patrimonio boschivo della zona ha giocato un ruolo preminente nella toponomastica (basti pensare anche alle denominazioni delle frazioni Gaggio e Bedoré, che rinviano alle robinie e alle betulle), nell’economia e nella vita quotidiana di Agra.

Del tutto caratteristiche sono le antiche case di questo comune, con le loro ”lobbie”, balconi formati da assi di legno di faggio, castagno e nocciuolo, utilizzati anche per l’arredamento interno. Le questioni relative alla vita del paese venivano risolte sotto un albero, il che viene testimoniato persino dallo stemma di Agra: al centro di esso è riportata una quercia, sotto la quale, coricata sull’erba e in riva al lago, giace una pecora con la testa rivolta all’indietro, anch’essa simbolo dell’antica floridezza economica del paese.

Vista panoramica di Agra(2)
Foto 2: didascalia
Vista panoramica di Agra

Storicamente, Agra faceva parte del feudo dei duchi Rusca dal 1439 fino al 1583, quando fu acquistato dai Marliani, che lo mantennero fino al 1773, cedendolo in seguito al conte Antonio Crivelli, investito con nomina dell’imperatrice Maria Teresa. Con la venuta di Napoleone nel 1797 il sistema feudale venne abolito e proprio nel secolo Diciassettesimo si verificarono delle controversie sulle risorse silvestri da parte degli abitanti di Agra e di Maccagno. Antichi documenti riportano infatti delle dispute relative allo sfruttamento del terreno silvano della Nassa, un bosco confinante con entrambi i paesi, verso il quale gli agresi sconfinavano incessantemente, durante il periodo per loro più magro, che li costringeva appunto ad attingere indebitamente alle proprietà di Maccagno. La questione fu così annosa che venne portata dinnanzi alla suprema autorità imperiale rappresentata da un giudice che ricorse ad un giuramento per accertare la sincerità delle affermazioni sostenute dalle parti. I maccagnesi non tardarono a giurare e vinsero la causa, ma gli agresi, pur di non prestare falsa testimonianza, non giurarono e si sottoposero onorevolmente alla sconfitta, consapevoli di tutte le perdite economiche a cui sarebbero andati incontro. Dopo un ventennio di scontri anche armati, nel 1757 una commissione istituita dal Senato di Milano stabilì definitivamente i confini dei due comuni, senza però ottenere l’effetto di calmare le acque tra i due paesi.

Nel terzo millennio Agra non fonda più la sua economia sul bosco e sulla pastorizia, e i maggiori introiti derivano dal turismo estivo che, grazie alle qualità paesaggistiche del comune, è in grado di decuplicare i trecento abitanti.

La chiesa parrocchiale è dedicata a Sant’Eusebio, costruita tra il 1931 e il 1933, è in parte edificata con materiali provenienti dall’antico edificio di San Rocco, ma conserva al suo interno alcuni affreschi eseguiti nel 1959 dal pittore Rivetta.

Principali attrattive

Maria Nascente, detta anche ”Alla Lupera”
Santuario della Madonna della Lupera (3)
Foto 3: didascalia
Santuario della Madonna della Lupera

Costruita prima del 1500, questa chiesetta è situata poco sotto al centro del paese, raggiungibile attraversando un ponticello. Al suo interno è conservato un dipinto raffigurante la Madonna affiancata da San Sebastiano e San Rocco.
Nella parte posteriore della chiesa vi era un tempo una fossa scavata per catturare i lupi che invadevano le terre agresi. Si narra in proposito che la Vergine avrebbe tratto in salvo alcune fanciulle che, minacciate dai lupi, invocarono il soccorso della Madonna, la quale appunto le strappò al pericolo. Grati per questo suo intervento, i popolani le dedicarono la chiesa.

Escursioni (facili)

Il Giro Del Sole | Foto
Sentiero del Sole (4)
Foto 4: didascalia
Sentiero del Sole

Il ”Giro Del Sole”, è un punto panoramico in grado di far trasecolare il turista. Lungo il sentiero immerso nei boschi, ove è possibile incontrare animali selvatici come caprioli e scoiattoli, sono presenti due belvedere che consentono al visitatore di godersi lo spettacolo delle chete acque del Lago Maggiore avvolte dalle montagne circostanti.

L’intero sentiero di facile percorrenza, richiede circa trenta minuti per essere completato.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto FL s.a.s.
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori Itinerari e Sapori: itinerari turistici e prodotti tipici della provincia di Varese

Pubblicità